YOGA presenta L’Arte del 100%, il succo di frutta diventa un capolavoro di prodotto

YOGA presenta L’Arte del 100%, il succo di frutta diventa un capolavoro di prodotto

L’istinto rivoluzionario di YOGA porta nei bar la grande innovazione della prima linea di succhi 100% frutta
e 100% veggie, senza zuccheri aggiunti, coloranti e conservanti e gluten free.
Una linea di alta qualità che ha il sapore intenso della natura.

 

 

Amore per la qualità e passione per l’innovazione sono i valori storici di YOGA, il brand di punta di Conserve Italia nel settore dei succhi di frutta e leader indiscusso nei bar italiani.

YOGA ha creato i succhi di frutta nel lontano 1946, proponendo una linea di prodotti che con i gusti classici alla pera, pesca e albicocca ha aperto la strada ad un nuovo mercato proiettato verso il futuro. Un percorso evolutivo che nei primi anni 2000 ha ulteriormente rivoluzionato il concetto di succhi di frutta con la linea Optimum, dove il contenuto di frutta raggiunge percentuali elevate, prima inesistenti sul mercato.

Dopo oltre 70 anni, YOGA non ha perso il suo istinto di innovatore e punta decisamente a soddisfare la voglia di novità dei consumatori e la loro predilezione per scelte alimentari incentrate sulla qualità e sulla naturalità sinonimo di benessere e salute.

L’Arte del 100% YOGA, la prima linea di succhi di frutta 100% per il canale Horeca, propone prodotti sempre più naturali, senza zuccheri aggiunti, senza coloranti e conservanti, vegan OK e gluten free. Un’alternativa premium, una nuova possibilità di bere veramente un sorso di salute ogni giorno al bar.

Un’innovazione assoluta che si sviluppa in 8 referenze 100% frutta come Pesca, Pera, Albicocca, Mirtillo, Arancia, Pompelmo, Ananas, Mela Golden e in 4 mix di frutta e verdura 100% veggie nei gusti ACE, Mango-Mela-Zucca-Carota, Pera-Finocchio-Zenzero, Frutti di Bosco-Carota nera-Barbabietola.

Una gamma di succhi equilibrati, contenenti solo gli zuccheri presenti nella frutta e nella verdura, gustosi, vellutati e naturalmente buoni.

 

In distribuzione a inizio 2018 nei bar italiani nel formato da 200ml, i succhi di frutta YOGA L’Arte del 100% sono una novità anche nel look e nel packaging. La bottiglia è in vetro trasparente con la scritta in rilievo che fa riferimento esplicito alla nascita del brand (1946), mentre l’etichetta dai tratti puliti e dallo stile artigianale esalta l’immagine e la descrizione del prodotto.

Prima azienda italiana dedicata alla produzione di succhi di frutta, YOGA ha fatto della qualità il tratto distintivo della sua mission, valorizzando con crescente intensità l’italianità del succo e preservando sempre quella “fedeltà alla frutta” che è garanzia di bontà e di naturalità.

YOGA L’Arte del 100% – ha dichiarato Pier Paolo Rosetti direttore generale di Conserve Italia nel corso della presentazione della nuova gamma – è il risultato di un costante impegno per la qualità e per l’innovazione di prodotto, valori essenziali che vogliamo garantire al consumatore come espressione di una filiera agricola di 14.000 soci cooperatori da sempre attenti alla genuinità, alla sostenibilità e al rispetto della terra”.

 

Con L’Arte del 100% YOGA – ha aggiunto Pier Franco Casadio direttore commerciale Horeca Conserve Italia – stiamo attuando una juice revolution tale da creare curiosità nel consumatore, oggi attratto da prodotti naturali, semplici, di elevato valore nutrizionale, senza tralasciare gli aspetti edonistici che contraddistinguono i consumi nel fuori casa”.

“Con le nuove 12 referenze L’Arte del 100% YOGA, vellutate ed intense al palato – ha sottolineato Gabriele Angeli direttore marketing Horeca di Conserve Italia – garantiamo alta qualità della frutta e della verdura, senza aggiunta di zucchero e acqua, vegan ok e gluten free. Un progetto, quello di YOGA 100%, che sarà supportato da una importante campagna di comunicazione sulle più importanti riviste trade di settore, senza tralasciare, in questo caso parlando al consumatore, attività a supporto sui principali canali social. Materiali di comunicazione che non mancheranno anche all’interno dei bar”.

 

 



Inserisci un commento

Commenta